Lunedì 18 Novembre 2019
   
Text Size

La bretella stradale nel cuore della Murgia rischia i finanziamenti?

 56310282 2222656724494686_5455265634570993664_n

 

Secondo l’opposizione si. Botta e risposta tra D’Ambrosio e Baldassarre

Occhi puntati su un’opera pubblica importante per migliorare i collegamenti di Santeramo in Colle nelle direzioni di Matera e Altamura. I fondi sono a rischio? L’opposizione attacca ma è immediata la risposta dell’Amministrazione.

Il consigliere di minoranza Michele D’Ambrosio continua la sua battaglia con un altro argomento, ponendo un nuovo quesito al sindaco pentastellato Fabrizio Baldassarre.

Secondo D’Ambrosio, Santeramo rischia di perdere un finanziamento importante per la realizzazione della strada di collegamento tra via Matera e via Altamura (la SP 236 e la SP 235 - circumvallazione).

“Ci stanno facendo perdere un’operazione tanto attesa” , - afferma D’ambrosio.

Secondo l’ex Sindaco, la Regione ha chiesto i documenti al Comune di Santeramo il 24 settembre del 2018 ma il Comune non avrebbe risposto con atti concreti.

“Forse, il sindaco non sa che i ritardi come quello che abbiamo noi portano alla revoca del finanziamento alla Città metropolitana per non attualità dei costi”, -
afferma D’Ambrosio in una nota.

“Dal 24 settembre ad oggi il Comune di Santeramo non ha fatto alcun atto richiesto dalla regione secondo l’ex sindaco D’Ambrosio”, aggiunge e mostra i documenti in cui l’ex amministrazione D’Ambrosio dava il via alla procedura che ora è bloccata.

Il sindaco Baldassarre non ci sta e subito smentisce.

“L'attuale amministrazione comunale da me presieduta si è interessata sin da subito del completamento della circonvallazione, cercando di comprendere, attraverso diversi colloqui in Regione e presso la Città Metropolitana, quali fossero le problematiche che hanno impedito la realizzazione della bretella che va tra la SP 236 e la SP 235” – scrive in una nota il sindaco Fabrizio Baldassarre.

“Con nota n. 8897 del 08.05.2018 inviata in Regione abbiamo chiesto l'avvio della procedura di V.A.S. (Valutazione Ambientale Strategica) in quanto il progetto del tratto stradale, costituisce variante al P.R.G. – prosegue - Subito dopo aver ricevuto l'assenso della Regione sono stati celermente avviati i passaggi preliminari, previsti dalla L.R. n. 44/2012.

A conclusione degli adempimenti preliminari, sono state inviate alla Città Metropolitana, ad Agosto 2018, tutte le osservazioni degli enti coinvolti pervenute al Comune per permetterne l'aggiornamento del R.A. (Rapporto Ambientale).
Tale Rapporto Ambientale è ancora in fase di completamento da parte dei tecnici incaricati dalla Città Metropolitana, tecnici che comunque sono in costante contatto con l'ufficio Tecnico Comunale.

L'obiettivo della Nota Regionale di settembre 2018, oltre a meglio specificare i passaggi previsti dalla suddetta L.R. in materia di procedure di V.A.S., è un invito formale per il Comune (soggetto procedente) ad inviare il R.A. appena lo riceverà a sua volta dalla Città Metropolitana, ed accertarsi che lo stesso abbia recepito la Valutazione d'Incidenza Ambientale (anch'essa in capo alla Città Metropolitana) così da inviare il tutto presso gli uffici Regionali per sottoporlo alla Valutazione Ambientale Strategica”, - continua il primo cittadino Fabrizio Baldassarre.

Per quanto concerne la paventata (da parte di un consigliere di opposizione) perdita di eventuali finanziamenti, il Comune non ha stanziamenti fermi, in quanto, non avendo titolarità sulla realizzazione dell'infrastruttura, non può finanziarla.
Ringrazio, pertanto, gli uffici Regionali e della Città Metropolitana per la collaborazione con l’assessore Massaro e con il nostro Ufficio Tecnico.

E ringrazio il Ministro Toninelli che, nel colloquio avuto l’altro ieri, ha mostrato interesse per questo tema che gli ho sottoposto”, - conclude Baldassarre.

MARIA GIOVANNA LABRUNA

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI